Pagina precedente
Redattori del repertorio
Sigle delle biblioteche
Codici imprimatur
Protesta
Abbreviazioni e sigle
Descrizione del paratesto
Note editoriali
Bibliografia
Ringraziamenti
Indici
Ricerca
  PROTESTA

La protesta si riporta integralmente soltanto quando varia sensibilmente (per esempio se vi sono espressioni particolarmente colorite tipo: "sarei disposto a versare tutto il mio sangue…") dalla formula seguente: "Le parole Fato, Numi, Deità ed altre simili sono usate solo per ornamento della poesia, e non come sentimenti dell'Autore che si protesta vero Cattolico". Altrimenti si indica semplicemente: Protesta.

Altre proteste tipo:

Le parole e i sensi gentileschi non sono sentimenti dell'Autore, che si professa vero cattolico romano

Le variazioni che si scorgeranno nel presente dramma, si considerino ordinate da quella dura necessità a cui astringe il teatro modeno, non intendendosi con esse adombrare in menoma parte quella stima che meritatamente si deve all'inimitabile nostro Figlio di Romolo; come altresì le parole Numi, Fato, ed altro si leggano come scherzi del favoloso Parnaso, dichiarandosi l'autore vero Cattolico Romano.

Le parole: Numi, Fato, ed altro si leggano come scherzi del favoloso Parnaso, e non già come sentimenti dell'autore che si dichiara vero Cattolico Romano.

Tuttociò che si scorgesse -es: "nei presenti intermezzi"- non confacente alla religione, non si attribuisca a sentimento dell'autore che si professa vero Cattolico.

Tutte le parole, che non sono conformi ai dettami della nostra Santa Cattolica Religione in esso componimento si leggono, si dovranno attribuire a vezzo di poesia, ed a favoloso gentilesco costume